Chi siamo

L’Istituto “Maria Ausiliatrice” è portatore di un carisma donato ad un uomo di nome Giovanni Bosco, il quale intraprese la sua azione e avviò le sue opere dando vita ad un vasto movimento di persone che, in vari modi, operano per formare onesti cittadini e buoni cristiani.

San Giovanni Bosco fu un educatore eccezionale. La sua acuta intelligenza, il suo senso comune e la sua profonda spiritualità lo guidarono a creare un sistema di educazione che sviluppa tutta la persona – corpo, cuore, mente e spirito. Esso favorisce la crescita e la libertà, mentre mette il ragazzo proprio al centro di tutta l’opera educativa.

 

Per distinguere il suo metodo dal sistema repressivo di educazione, prevalente nel 19° secolo in Italia, egli ha chiamato il proprio metodo sistema preventivo – perché esso cerca il modo di prevenire la necessità della punizione, collocando il ragazzo in un ambiente in cui egli è incoraggiato a dare il meglio di sé. Questo è un approccio congeniale, amichevole, integrale all’educazione.

Esso crea un clima che ‘trae fuori’ (educere) il meglio dal ragazzo, che incoraggia la sua completa e piena espressione di sé, che aiuta il ragazzo ad acquisire atteggiamenti che lo guidino a scegliere ciò che è buono, sano, gioioso e fa crescere la vita.

db

Lo stile di vita e di educazione incarnati da don Bosco sono un dono carismatico che esprime una spiritualità detta “salesiana” per lo stile con cui si propone e per il patrocinio sotto il quale si esprime, quello appunto di S. Francesco di Sales.

 

L’Istituto “Maria Ausiliatrice”fondato da don Bosco e Madre Mazzarello continua la sua opera di umanizzazione nella società attuale con il Sistema Educativo Preventivo, caratterizzato dal trinomio ragione, religione e amorevolezza:

  • Ragione: è dare fiducia alle forze di bene presenti nel ragazzo. Al giovane non viene imposto nulla ma viene richiesta una disponibilità a confrontare, verificare e ipotizzare, aiutandolo infine a scegliere secondo i criteri della verità e della giustizia.
  • Religione: è credere che Dio è padrone dei cuori, Egli è il grande educatore che possiede il segreto della formazione. Al ragazzo viene chiesto di entrare gradatamente in una visione soprannaturale dell'esistenza che permette di considerare ogni realtà nel suo giusto valore.
  • Amorevolezza: è essere consapevoli che l'educazione è cosa di cuore e quindi il primo passo è farsi amico il ragazzo, guadagnare il suo cuore, creare un clima di famiglia, di benevolenza, che permetta all'educatore di conoscere e di intervenire perché il giovane progredisca nella formazione umano-cristiana.

 

 

 

IMA Castellanza 2013 tutti i diritti riservati  | Via C. Ferrari, 7 21053 Castellanza VA

Tel 0331/50681 Fax 0331/506864 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PI 00597820125

PRIVACY